L’Autodichia delle camere nella giurisprudenza costituzionale

18,00


L’Autodichia è il potere, conferito ad alcuni organi supremi dello Stato, di giudicare presso di sé i ricorsi presentati avverso gli atti d’amministrazione da essi medesimi posti
in essere, in deroga alle norme che disciplinano in via generale le competenze degli organi giurisdizionali. Infatti, ciò che desta dubbi sulla legittimità o meno dell’autodichia, è il fatto che i
ricorsi, presentati dai dipendenti o dai terzi, avverso gli atti e i provvedimenti adottati dall’amministrazione, sono giudicati, anziché da un Organo giurisdizionale, da organi
della stessa Camera. Ciò ha determinato una spaccatura fra dottrina e giurisprudenza, nel senso che mentre la prima ritiene che tale fenomeno non sia legittimo poiché violerebbe i
principi della Carta fondamentale, anche in tema di giurisdizione, la giurisprudenza, viceversa, tende a salvaguardare l’autonomia e l’indipendenza dell’istituzione del parlamento ritenendo l’autodichia legittima, poggiando, in particolare, tale assunto sulla non ingerenza nell’istituzione parlamentare di altri poteri. Tale prerogativa, denominata anche “giurisdizione domestica”, è riconosciuta, nel vigente ordinamento italiano, ad alcuni organi costituzionali: alle Camere, alla Corte Costituzionale e, secondo giurisprudenza recente, alla Presidenza della Repubblica.
La potestà di autodichia non è riconosciuta, invece, all’organo costituzionale Governo. La presente Opera analizza i molteplici profili d’interesse dell’autodichia ed in particolare, dopo una trattazione storica nella prima parte, particolare attenzione viene dedicata all’analisi comparatistica, nel secondo capitolo, tra autodichia interna al nostro ordinamento e l’autodichia in alcuni Paesi europei. La finalità è di fornire al lettore spunti utili per approfondire ulteriormente l’argomento in disamina.

Disponibile

COD: 978-88-6950-321-4 Categorie: ,

Info Aggiuntive

Peso200 g
Dimensioni17 x 24 cm
Allestimento

Brossura

Formato

17×24

Pagine

168

Lingua

Italiano

ISBN Cartaceo

978-88-6950-321-4

Anno

2018

Autore

Gorga Clelia